lunedì 11 giugno 2007

Ascoltare il cuore di Korczak

Janusz Korczak è stato un uomo straordinario!
Ogni tanto riprendo i suoi libri perchè, secondo me, rappresentano perle di saggezza e di umanità. Stamattina, a pag. 24 di: "Quando ridiventerò bambino", ho letto...

"[...] Un bambino, è come la primavera. Un po' di sole e tutto appare bello e gioioso. Un temporale: e sono subito tuoni e fulmini. Mentre si direbbe che un adulto viva nella nebbia. Poche sono le grandi tristezze e non di più le grandi gioie. Tutto è grigio e serio. Io ne so qualcosa. La gioia e la tristezza infantili sono come colpi di vento: portano e scacciano le nuvole... Se mai un giorno ridiventerò insegnante e se vedo che uno dei miei allievi è afflitto da qualcosa, lo lascerò tranquillo. Che pensi in pace, che si riposi. [...]"

Nessun commento: