domenica 11 febbraio 2007

Gita a Grottaferrata - Abbazia S.Nilo

Durante il week-end, KRATOS mi ha inviato il seguente post:

Sabato 10 Febbraio 2007

Verso le 10:00 di mattina sono andato con la mia famiglia (i miei genitori,mio fratello Mirko e mia nonna) in auto all’ Abbazia di San Nilo che si trova fuori Roma a Grottaferrata. Pioveva a dirotto e lì abbiamo incontrato oltre a Padre Matteo (professore di Italiano dei miei genitori al liceo) la signora Berta e degli amici (ex compagni di scuola) di mamma Giulietta.
Siamo entrati attraverso un cancello, nel cortile dell’abbazia e poi da una porticina e dei corridoi in una piccola cappella dove Padre Matteo ha celebrato un rito Greco-Italo-Bizantino cioè una messa in greco ed in italiano. Una messa dedicata ai defunti e in particolare al figlio di Berta e compagno di scuola di mamma e dei suoi amici ed allievo di padre Matteo, Massimo Ficuciello*, tenente dell’esercito italiano e morto a Nassiriya in Iraq.
La cosa che mi ha impressionato di più è stata la comunione perché invece di ricevere l’ostia, ho ricevuto il pane inzuppato nel vino (il vino era aspro!). Finita la messa ci siamo avviati verso casa ed abbiamo comprato per strada la porchetta tipica dei Castelli Romani che poi abbiamo mangiato a casa a pranzo.
Una giornata particolare!


*Massimo Ficuciello, tenente dell'esercito, 35 anni da poche settimane aveva lasciato il posto in banca per entrare nell'esercito. Massimo Ficuciello, figlio del generale Alberto, era un analista finanziario a Milano e appena due mesi fa aveva chiesto di poter tornare in servizio attivo con il suo grado di tenente proprio per partecipare alla missione "Antica Babilonia". Grazie alla sua conoscenza delle lingue era stato inserito nella cellula pubblica informazione e la mattina della strage aveva avuto l'incarico di accompagnare nei sopralluoghi i produttori del film-documentario sulla missione italiana in Iraq. Era partito da Milano in una giornata di pioggia ai primi di ottobre, lasciandosi alle spalle il lavoro in banca, i giorni passati in un ufficio cambi. Col padre, il generale Alberto Ficuciello, che ha 63 anni ed è stato, tra l’altro, comandante del comando alleato Interforze del Sud Europa e comandante delle Forze operative terrestri dell’esercito italiano, Massimo aveva girato il mondo e si era laureato a Londra. Proprio per la sua passione e conoscenza delle lingue straniere gli era stata proposta la missione in Iraq. Avrebbe dovuto trascorrervi due mesi.Era infatti lui, Massimo, assieme al maresciallo Olla, morto nella tragedia, ad occuparsi dei giornalisti italiani e soprattutto stranieri, di chi voleva conoscere e capire cosa facessero i nostri soldati tra gli iracheni.

By Kratos (V B) & suo Padre.

1 commento:

maria ha detto...

Cari KRATOS & PAPA',

grazie per questo bel post, perchè abbiamo 'conosciuto' un luogo interessante che val la pena di visitare!

Maestra Maria :-)