martedì 16 gennaio 2007

Una pazza intervista!

Avevamo bisogno di stimoli nuovi! Così mi sono chiesta: "Perchè non proporre un'intervista a Maria?!". Così...ecco il risultato! Come ogni seria giornalista che si rispetti, ho apportato alcune modifiche alle risposte, corredandole dei miei commenti! Spero che in questo modo riusciate a capire un po' meglio la "mamma del blog"!!

silvia: Ciao Maria!! Innanzitutto GRAZIE per aver accettato la mia "intervista"!
maria: E' un piacere risponderti! (Aspetta prima di dirmelo...ih ih ih)

silvia: Iniziamo con una domanda semplice: cosa ti ha spinto ad aprire questo blog?
maria: Diciamo che ho capito (forse un po’ tardi rispetto alla diffusione del mezzo in Italia...sempre con calma Maria!!! Ricorda quanto tempo ci ho messo io!!!) che poteva costituire un valido supporto per migliorare ed arricchire il rapporto con i miei alunni!

silvia: Giusto per conoscerti un po' meglio, quali sono le tue caratteristiche delle quali non faresti mai a meno e delle quali sei orgogliosa?
maria: Vediamo un po’…credo che quella più spiccata sia la lealtà. (Sono quasi d'accordo!!) Segue la sensibilità che mi aiuta a costruire una buona intesa con i ragazzi, soprattutto quando per difesa tendono, anche consapevolmente, ad alzare una barriera psicologica.

silvia: Quali, invece, le caratteristiche con cui lotti per liberartene?
maria: Decisamente l’essere un po’ pignola nei rapporti professionali! (Un po'????????? Solo????)

silvia: Beh...visto che mi hai detto di "limitarmi" nelle domande...ora applico a quest'intervista il modello di "intervista barbarica" di Daria Bignardi...Se tu potessi scegliere, ritorneresti all'età di 10, 20 o 30 anni?
maria: Chi non vorrebbe ritornare ad essere giovane!! Ma il decennio a cui sono maggiormente legata è sicuramente l’ultimo da te indicato per via di cambiamenti importanti avvenuti in campo sia personale che professionale. (Mhmmmm...credevo mi dicessi "vent'anni"...brava...mi hai spiazzato!!)

silvia: Cosa non sopporti di più della tua collaboratrice (ih ih ih...)?
maria: Tralasciando gli aspetti personali (eh, eh), (senti???? ma quali aspetti personali????!!!! Grrrrrrrrrr) credo che la cosa che tollero meno sia il suo handicap tecnologico. Mi spiego meglio: mi piacerebbe che imparasse ad essere un pochino più autonoma nel gestire la parte tecnica del blog (Grrr). Per fortuna, riesce a compensare bene questo gap proponendo post qualitativamente validi! (Vedrai...ti supererò...prima o poi...)

silvia: Cosa ami di più della tua collaboratrice (dai...un piccolo contentino...)?
maria: Sono tante le cose che ammiro di lei ma, su tutte, la sensibilità è quella che apprezzo maggiormente ed anche quella che favorisce la crescita del nostro rapporto di amicizia. (Beh...credo che sia anche quello che ci accomuna...)

silvia: Se tu potessi scegliere, quale degli amici linkati vorresti conoscere per primo di persona (me esclusa, OVVIAMENTE)? (tra tutti i link, anche gli insegnanti)
maria: Difficile rispondere a questa domanda! Non vorrei far torto a nessuno, anche perché desidero conoscerli davvero tutti. Ma se devo proprio darti un nome dico subito…
Nedda, una maestra in pensione che nonostante l’età (ottanta anni!!) continua a parlare di scuola addirittura su un blog personale! Spero di conservare lo stesso entusiasmo e di riuscire a dare, in futuro, perle di saggezza ai giovani insegnanti come fa lei! (In bocca al lupo per questo progetto!!!)

silvia: Basta domande pungenti...ora l'ultima domanda è: qual è il tuo desiderio per questo blog?
maria: Desidero che diventi un vero blog didattico, ma la strada è ancora in salita! Poi mi auguro che possa davvero aiutare i ragazzi a tirar fuori un po' del loro mondo emotivo molto spesso incompreso. Insomma una specie di STAMPELLA PSICOLOGICA...! (beh, io credo tu ci stia già riuscendo!!!)

silvia: Grazie davvero per aver accettato la mia intervista...magari ne faremo altre...
maria: Sicuramente. Grazie a te! :-)

10 commenti:

InOpera ha detto...

la classe, il blog....i gruppi.

ecco, i gruppi fanno la differenza, da sempre. far parlare di più i gruppi.

bell'intervista

silvia ha detto...

GRAZIE Inopera!!!

"Il gruppo fa la forza"...dice l'adagio popolare, no?!

E allora...usiamo la collaborazione anche in questo modo!!!

Robi ha detto...

Io avrei invece una domanda per tutt'e due: Quale vi aspettate che sia l'apporto dei commentatori sul blog ? O ci sono aspettative diverse a seconda dell'età dei commentatori (considerando la notevole disparità di età dei lettori) ?

silvia ha detto...

Io credo che per ogni blog l'apporto dei commentatori sia importante, costituiscono il cosiddetto "feedback"! E' chiaro che gli adulti daranno un apporto diverso rispetto a quello che danno i ragazzi! Entrambe le "categorie", però, riescono a stimolare questo "lavoro"! Ed è forse questo il bello e ciò che io "mi aspetto"...anche se il termine forse non è corretto: ricevere stimoli (e darne...nel limite del possibile)...per poter "crescere insieme"!!

A Maria ora la risposta!!

STELLA E BLOOM ha detto...

CARA SILVIA SPERIAMO TU POSSA FARE PRESTO LA TUA PROSSIMA INTERVISTA ALLA MAESTRA MARIA PERCHè LEGGENDOLA CI SIAMO MOLTO DIVERTITE SOPRATTUTTO AI TUOI COMMENTI.

Titti e Fibi ha detto...

Questa intervista ci è piaciuta molto perchè abbiamo scoperto cose in più sulla maestra.

IL CAVALIERE NERO ha detto...

Questa intervista mi ha fatto capire cose in più sulla mia maestra preferita e tutto grazie alla tua divertente intervista!Ciao!!!

silvia ha detto...

Grazie ai contributi di stella e bloom, titti e fibi e al cavaliere nero!! Avrete presto nuove interviste...e indiscrezioni sulla vostra maestra preferita...

;-)

maria ha detto...

Ciao Robi,
finalmente di nuovo tra noi!
Ci hai rivolto una domanda davvero importante...Chi arriva su questo blog noterà subito il notevole divario di età tra i vari commentatori. Ti confesso che non è casuale, anzi! Per noi è importante l'apporto di ciascuno di voi, a prescindere dall'età...Anzi, è fondamentale il divario anagrafico: stiamo osservando questa modalità comunicativa per poter capire il fenomeno anche dal punto di vista generazionale.
Temo di non essere stata esaustiva ma per farlo ti dovrei rimandare ad una specifica bibliografia ;-)

Per il momento è tutto!

maria

HANNAH MONTANA ha detto...

A me questa intervista mi è piaciuta molto. Anche io alcune volte faccio delle interviste a mia mamma. Però non le scrivo, me, gli tengo a mente.