lunedì 11 dicembre 2006

Una mamma è una donna realizzata?

Il blog di unamamma proponeva un post interessante un mese fa circa. Ve ne offro un estratto:
"Ho appena finito di leggere "Un posto nel mondo" di Fabio Volo...
"Tu hai un sogno (...) una cosa che vuoi o volevi fare?"
"Si, uno ce l'ho. E' quello di farmi un giorno una famiglia."
"Fare una famiglia non è un sogno. Le famiglie si dovrebbero fare per condividere con qualcuno che si ama il proprio sogno. Altrimenti le persone diventano funzionali a qualcosa, diventano dei mezzi e non possono essere ciò che sono. Come ha fatto mia madre: non mi ha mai visto come una persona con i suoi desideri, i suoi tempi, i suoi gusti. Spesso la famiglia diventa il rifugio di chi non è riuscito a fare altro."
Questo è uno dei tanti dialoghi che intrecciano due dei tre protagonisti del libro.

Nel libro si parla di uno stereotipo di donna che dice di realizzarsi mettendo su famiglia ed avendo dei figli, ma, secondo Federico, prima bisognerebbe realizzarsi come persona e non cercare l'anima gemella per trovare un appoggio; bisogna cercarla quando si conosce bene il proprio io e solo in quel momento si potrà condividere la propria ricchezza interiore con un altro.
"La prima cosa che due persone si offrono stando insieme dovrebbe essere un sentimento d'amore verso se stessi. Se non ti ami tu, perchè dovrei amarti io?"
Ho pensato molto alla "figura della mamma" e mi è venuto in mente: ma se si è "solo" mamma e nient'altro non ci si può sentire realizzate? Una mamma può riuscire a trovare tempo per una realizzazione personale dopo la/le gravidanze o avrebbe dovuto trovarlo prima perchè oramai è troppo tardi? E quando i figli cresceranno non avremo più niente da fare e diventeremo tutte delle casalinghe disperate?
La protagonista, dopo il parto, per "riappropriarsi di sé, della sua femminilità, del suo modo di essere donna prima ancora che mamma, recuperarsi come individuo nella sua intimità" decide di fare un viaggio di dieci giorni in Messico, lasciando la piccola di 7 mesi al papà: distacco che io non sarei mai riuscita a sopportare. Per me è già stato durissimo tornare a lavorare quando mia figlia aveva 9 mesi, calcolando che lavoro a 5 minuti da casa!...Anch'io amo viaggiare, ma...metto sempre la famiglia al primo posto, forse sacrificando la mia personalità e la mia libertà, però i miei genitori mi hanno insegnato certi valori e, se pensassi prima a me e poi ai miei figli, non mi sentirei per niente a posto con la coscienza! Cosa ne pensate? Vi sentite realizzate come donne e come mamme? Forse siamo troppo poco egoiste e dovremmo prenderci di più i nostri tempi?"

10 commenti:

maria ha detto...

Sono pienamente d'accordo con Federico: una donna deve stare PRIMA bene con se stessa.... ritagliarsi i propri spazi (seppur ridotti quando si diventa mamme)...SEMPRE! Sia da single che da sposata! Rispetto quelle donne sposate che sostengono di non riuscire a far nulla senza i loro figli al seguito, ma non condivido affatto! Una mamma puo' essere una BRAVA MAMMA anche se (per es. 1 volta a settimana) si concede qualche attivita' senza i suoi pargoli (es. andare al cinema o mangiare una pizza con amici)...che male c'e'??? Come pensate che si possa sentire una donna che non stacca MAI la spina dal dovere di moglie e mamma??? Io TEMO che possa SCOPPIARE da un momento all'altro! ...:-((

silvia ha detto...

Spesso si cita un passo che dice "Ama il tuo prossimo come te stesso", ma quello che è significativo è che per amare gli altri occorre inanzittutto amare se stessi! Ciò che voglio dire è che una mamma credo anch'io debba riuscire a sentirsi "realizzata", altrimenti non potrà aiutare i propri figli a sentirsi a loro volta realizzati nella loro vita! Poi ciò che rende la vita significativa...beh...ognuno lo sceglie per sè...quindi, se una mamma si sente realizzata solo a fare la mamma...d'accordo...anche se credo ci voglia dell'altro nella vita!

;-)

Opinione di una persona che non è certamente mamma, quindi contestabile da chi comprende meglio questa situazione!!!

CORNELIA ha detto...

una mamma deve essere prima di tutto in pace con se stessa perchè la sua allegria o la sua tristezza poi viene trasmessa ai figli,che vedendo la maMMA NON REALIZZATA SI SENTONO IN DISPIACERE E CREDONO , CHE PER LA LORO MADRE, LORO SONO SOLO UN PESO!!
QUINDI MAMME PER ESSERE REALIZZATE USCITE UN Pò VI SENTIRETE MOLTO MEGLIO!!!"

maria ha detto...

Cara Cornelia,
tua mamma sarà orgogliosissima di queste tue riflessioni! BRAVA!!!

tua maestra

chanel ha detto...

la mamma è sempre la mammma"!!!!!!
realizzata o no così è e così rimane.
certo un pò di relax e uscite con le amiche invece di lavare i piatti e spazzare...non farebbero male!!!!!
;D

non ho ancora un nickname ha detto...

hai ragione chanel...
ecco l'elenco delle cose che secondo me una mamma potrebbe fare:
1) andare in discoteca e scaricare la propria rabbia
2)un'uscita con il marito al ristorante + lussuoso della città
3) un pigiama party come ai vecchi tempi
4)tutti ad un corso di ballo!!!!!!!!
non trovate sia quasi impossibile!!!!!!!

maria ha detto...

Ciao Chanel,
certo che la mamma è sempre la mamma...ma non pensi che se tua mamma si concedesse un po' di tempo libero...SAREBBE MOLTO PIU' RILASSATA QUANDO INTERAGISCE CON TE?...
...W TUTTE LE MAMME DEL MONDO! ;-)

maestra maria

maria ha detto...

Ciao Hilary :-)
La tua lista è molto spiritosa...davvero però credi che sia QUASI IMPOSSIBILE? Tua mamma farà pure qualche cosa per sè...o NO????!!!...

Buonanotte!
maestra maria

Anonimo ha detto...

ho un bimbo bellissimo desiderato con tutto il cuore!! per 13 mesi e' stata la mia unica ragione di vita! non ho sentito alcun bisogno di fare altro al solo pensiero stavo male... ma la natura (per fortuna) si e' opposta: il calo degli ormoni dell'allatamento e' arrivato e cosi' mi sono sconvolta!!! improvvisamente devo e voglio stare un po' per conto mio!!!!altrimenti mi viene un attacco di panico!! l'idillio e' terminato!!! ora mi sento un pochino disorientata.. ma spero di riuscire a realizzare altre parti di me!! sono agitatissima ma anche un pochino curiosa di vedere cosa mi piace e chi sono adesso!!perche' mi sa che non si e' piu' la stessa persona dopo un figlio!!!!!vita nuova!!aiutoooo!

maria ha detto...

Caro Anonimo,
la ringrazio di questa sua testimonianza...vera! ;-)
Sono certa che pian piano ritroverà l'equilibrio che merita, dopo essersi dedicata totalmente a suo figlio.
BUONA VITA ad entrambi!! Mi farà piacere continuare ad avere vostre notizie...

Maria